20/09/2021

Covid: fare coro in sicurezza

Indicazioni per lo svolgimento delle attività corali nel rispetto delle norme anticovid
[aggiornamento al 30 dicembre 2021]

Con il recente Decreto Legge n. 221 del 24 dicembre 2021 è stato prorogato fino al 31 marzo 2022 lo stato di emergenza.
Inoltre, queste alcune importanti novità:

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE DELLE VIE RESPIRATORIE (art. 4)

  • l’obbligo di utilizzo dei dispositivi di protezione delle vie respiratorie (mascherine) nei luoghi all’aperto, anche in zona bianca fino al 31 gennaio 2022;
  • per gli spettacoli aperti al pubblico che si svolgono al chiuso o all’aperto nelle sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche, locali di intrattenimento e musica dal vivo e in altri locali assimilati, nonché per gli eventi e le competizioni sportivi che si svolgono al chiuso o all’aperto, è previsto obbligo di indossare i dispositivi di protezione delle vie respiratorie di tipo FFP2, fino alla cessazione dello stato di emergenza epidemiologica da COVID-19 (al momento fissata al 31 marzo 2022):
  • nei suddetti luoghi, diversi dai servizi di ristorazione svolti da qualsiasi esercizio, e per il medesimo periodo di tempo è vietato il consumo di cibi e bevande al chiuso;
  • l’obbligo di indossare i dispositivi di protezione delle vie respiratorie di tipo FFP2 si applica anche per l’accesso e l’utilizzo dei mezzi di trasporto, anche quello locale.

IMPIEGO DELLE CERTIFICAZIONI VERDI COVID-19 (art. 8)
Dal 10 gennaio 2022 e fino alla cessazione dello stato di emergenza
è consentito esclusivamente ai soggetti in possesso del “Super Green Pass” nonché ai soggetti di età inferiore ai dodici anni e ai soggetti esenti dalla campagna vaccinale sulla base di idonea certificazione medica rilasciata secondo i criteri definiti con circolare del Ministero della salute l’accesso ai seguenti servizi ed attività:

  • musei, altri istituti e luoghi della cultura e mostre;
  • piscine, centri natatori, palestre, sport di squadra, centri benessere, anche all'interno di strutture ricettive, limitatamente alle attività al chiuso nonché spazi adibiti a spogliatoi e docce, con esclusione dell'obbligo di certificazione per gli accompagnatori delle persone non autosufficienti in ragione dell'età o di disabilità;
  • centri termali, salvo che per gli accessi necessari all'erogazione delle prestazioni rientranti nei livelli essenziali di assistenza e allo svolgimento di attività riabilitative o terapeutiche, parchi tematici e di divertimento;
  • centri culturali, centri sociali e ricreativi, limitatamente alle attività al chiuso e con esclusione dei centri educativi per l'infanzia, compresi i centri estivi, e le relative attività di ristorazione;
  • attività di sale gioco, sale scommesse, sale bingo e casinò

Inoltre, il Decreto-legge dispone che, in zona bianca, anche per i corsi di formazione privati se svolti in presenza, per l’accesso è necessario il possesso del “Green Pass ordinario”.

Queste indicazioni portano a dedurre che, per le prove e i concerti dei cori, a partire dal 10 gennaio 2022 sia necessario il green pass rafforzato.

ATTENZIONE: Il Decreto Legge approvato dal Governo il 29 dicembre e al momento in corso di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, tra le altre misure estende l'obbligo di green pass rafforzato anche alle attività dei centri culturali, sociali e ricreativi all'aperto, sempre a decorrere dal 10 gennaio e fino alla cessazione dello stato di emergenza.

Sintesi delle linee guida 
(aggiornate al 2 dicembre 2021)

Alla luce di questo, riassumiamo le principali misure da rispettare per lo svolgimento delle attività corali in sicurezza come previsto dalle normative.

Per le prove 

  • assicurarsi che i coristi siano muniti di green pass rafforzato, a esclusione dei minori di 12 anni e dei soggetti esenti sulla base di idonea certificazione medica;
  • la validità del green pass può essere verificata con l’apposita App VerificaC19 disponibile su App Store o PlayStore;
  • compilare un foglio firme delle presenze a ciascuna prova da conservare per 14 giorni;
  • evitare di partecipare alle prove qualora si manifestino sintomi da infezione respiratoria e febbre (> 37,5°), nonché ovviamente chi è sottoposto alla misura dell’isolamento, essendo risultato positivo al virus, o della quarantena precauzionale qualora sia stato identificato come contatto stretto;
  • organizzare gli spazi in modo da assicurare il mantenimento della distanza interpersonale laterale dei coristi di almeno 1 metro e almeno 2 metri tra le eventuali file del coro e dal direttore;
  • evitare la condivisione di oggetti, libri, partiture, strumenti ecc., così come cibo e bevande;
  • indossare la mascherina (FFP2 o superiore) a protezione delle vie respiratorie in tutti gli spostamenti (dall’ingresso alle prove fino al deflusso);
  • la mascherina potrà essere rimossa per cantare solo qualora siano garantiti i distanziamenti di cui sopra;
  • garantire la frequente pulizia degli ambienti, la disinfezione delle superfici toccate con maggiore frequenza, il ricambio dell’aria.

Per i concerti

Oltre a quanto sopra riportato, che si intende riferito agli esecutori, si raccomanda di attenersi scrupolosamente a quanto contenuto nelle Linee guida della Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome del 2 dicembre 2021, alla sezione Spettacoli dal vivo, e in particolare: 

  • riorganizzare gli spazi, per garantire l’accesso in modo ordinato, al fine di evitare assembramenti di persone;
  • definire il numero massimo di presenze contemporanee di spettatori, in base alle disposizioni nazionali vigenti (al momento 100% della capienza consentita);
  • privilegiare se possibile l’accesso tramite prenotazione e mantenere l’elenco delle presenze per un periodo di 14 giorni;
  • rendere obbligatoriamente disponibili prodotti per l’igienizzazione delle mani per gli spettatori e gli operatori anche in più punti del locale;
  • non è consentito assistere in piedi allo spettacolo;
  • permane l’obbligo di utilizzo della mascherina (FFP2 o superiore) a protezione delle vie respiratorie al chiuso, e all'aperto in tutte le situazioni di possibile assembramento.

Resta inteso che, oltre al rispetto delle linee guida, l’organizzatore del concerto (il coro o chi per esso) dovrà: 

  • verificare che tutti gli spettatori siano in possesso di green pass rafforzato tramite l'apposita App VerificaC19;
  • assicurarsi che il numero e l’organizzazione dei posti a sedere rispetti il protocollo covid previsto dal proprietario/gestore della sala.
Questo sito utilizza cookies propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più . Continuando la navigazione ne autorizzi l'uso.